#Cashback storia di Robin Hood al contrario

Partiamo da una constatazione semplice ed auto-evidente: la nuova misura acchiappa-consenso e distrai-popolazione, il cashback natalizio non prevede requisiti di reddito per la concessione del bonus pari al 10% degli acquisti fatti con carta di credito fuori da internet.

Questo vuol dire che con ogni probabilità avrà carattere regressivo premiando chi ha un reddito maggiore ed è stato colpito meno dalla pandemia. Su quali basi si fonda la mia congettura? Esaminiamo brevemente i requisiti per accedere al bonus e proviamo a ipotizzare quali sono le tipologie di cittadini che tipicamente li posseggono.

Per avere il bonus devi avere in conto corrente bancario e una carta di credito. Non credo ci siano dubbi sul fatto che entrambi gli strumenti di pagamento siano appannaggio di persone che si collocano sopra una certa soglia di reddito e che possa essere frequente non averli tra le fasce più povere della popolazione. Dunque per Natale facciamo come Robin Hood al contrario e diamo un bonus a chi è più ricco a spese anche di chi è più povero.

Sappiamo anche che la pandemia ha colpito in modo asimmetrico diverse categorie di cittadini. Chi ha un contratto di lavoro da dipendente (pubblico o privato) o una pensione è stato colpito meno, perché ha mantenuto invariato lo stipendio anche nelle fasi più critiche di lockdown. Che si tratti di eroici operatori sanitari in prima linea, a cui tutti siamo grati o di impiegati più o meno imboscati nelle grandi imprese o nella PA non cambia che il reddito sia rimasto invariato.

Ora chi pensate che possa avere una maggiore attitudine a effettuare acquisti con carta di credito? Chi dispone di uno stipendio accreditato in conto corrente o chi viene frequentemente pagato in contanti, escludendo qualunque caso di evasione fiscale? Il bonus con carta di credito premia con ogni probabilità chi è stato colpito meno dalla pandemia, ha soldi da spendere e preferisce usare una carta di credito.

La reazione pavloviana più frequente, quando si parla di carte e di contanti, è quella di tirare in ballo l’Evasione Fiscale: incentivando i pagamenti con carta possiamo ritenere che questa misura favorisca il contrasto dell’Evasione? Due semplici argomenti per non cascarci.

In primo luogo non è affatto detto che il bonus incentivi gli acquisti con carta di credito: può ben essere che si limiti a premiare consumi che si sarebbero fatti anche senza il bonus. Per quale tipo di acquisto un 10% di sconto con tetto a 150€ ad esclusione degli acquisti on line vi induce a modificare le vostre abitudini? Se influenza solo la modalità di pagamento, a parte fare un favore agli intermediari che emettono le carte e guadagnano una commissione a scapito degli esercenti che la pagano a chi serve questa misura?

In secondo luogo, chiarito che tra i non evasori la misura serve solo a trasferire reddito tra esercenti e intermediari e a dare un premio a chi è stato colpito meno dalla crisi, qual è l’impatto sull’evasione? Se pagando o accettando contanti gli evasori hanno benefici nell’ordine del 20% di IVA e del 35% di IRPEF che incentivi pensate possa dare un ricco 10% di cashback con tetto a 150€.

Ma i principali beneficiari della misura saranno probabilmente i politici che potranno andare in giro a raccontare di aver messo in tasca dei soldi agli italiani. Che poi quei soldi siano stati presi ad altri contribuenti, verosimilmente meno ricchi e più bisognosi è un dettaglio che sembra non interessare neanche ai sinistri fautori dell’uguaglianza a tutti i costi,.

Per Riassumere: il fantomatico cashback premia ingiustamente chi è in una minore condizione di bisogno ed è stato colpito meno dalla pandemia e non serve a niente in termini di contrasto all’evasione fiscale. Però è probabile che funzioni abbastanza bene come strumento di marketing per una classe politica mediocre nei confronti di un elettorato con una quota elevata di analfabeti funzionali e digitali.

La Finanza in Soldoni è un progetto multicanale volto alla promozione di una corretta informazione e adeguata comprensione dei fenomeni economici.

Tutti i video e i podcast si trovano sul mio canale Youtube grazie anticipate a chi vorrà iscriversi, lasciare un like ai video o condividerli sui suoi account social

Collaboro attivamente con il canale Youtube Liberi Oltre Le illusioni  

GLG – Gerson Lehrman Group – Council Member

Per consulenze e progetti di ricerca inerenti analisi, valutazione e gestione di crediti deteriorati (NPL,UTP,PD) o i processi bancari di recupero ed erogazione dei cediti potete inviarmi un messaggio email.

Link al mio profilo professionale dettagliato

Pubblicato da Massimo Famularo

Investment Manager and Blogger Focus on Distressed Assets and Non Performing Loans Interested in Politics, Economics,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: