Cosa implica il rialzo dei tassi BCE?

Come visto negli episodi precedenti il Consiglio direttivo della BCE ha alzato i tassi d’interesse per la prima volta in 11 anni e sono probabili altri aumenti nei prossimi mesi. In questa puntata proviamo a spiegare le conseguenze di questa decisione facendo riferimento ad un documento illustrativo prodotto dalla banca stessa.

Perché i tassi di interesse sono stati alzati?

Perché il mandato della banca centrale dell’euro è quello di mantenere i prezzi stabili. Quando i prezzi nella nostra economia aumentano troppo velocemente, cioè quando l’inflazione è troppo alta, l’aumento dei tassi di interesse ci aiuta a riportare l’inflazione verso il nostro obiettivo del 2% nel medio termine.

L’inflazione mette a dura prova le persone. Molti temono che sia destinata a rimanere. Ecco perché sono stati aumentati i tassi di interesse: per inviare il messaggio che la BCE non permetterà all’inflazione di rimanere al di sopra del 2%. Questo segnale contribuirà a tenere sotto controllo le aspettative di inflazione.

Cosa sono i tassi di interesse?

I tassi di interesse sono il costo del prestito di denaro (a volte si dice che i tassi di interesse sono “il prezzo del denaro”). Se si vuole ottenere un prestito da una banca, bisogna prima concordare un certo tasso, che di solito è un tasso annuale. Supponiamo di prendere in prestito 10.000 euro a un tasso annuo del 3%. Ciò significa che dovrete pagare alla vostra banca 300 euro all’anno oltre al rimborso del prestito. Quindi, il tasso d’interesse è essenzialmente ciò che la banca vi fa pagare per prestarvi il denaro.

Funziona anche al contrario. L’interesse è il denaro che la banca vi paga sui vostri risparmi, cioè quando la banca “prende in prestito” denaro da voi. Ad esempio, se versate 1.000 euro sul vostro conto di risparmio a un tasso annuo del 2%, alla fine dell’anno riceverete 20 euro di interessi.

Cosa fa muovere i tassi di interesse?

I tassi di interesse che le banche offrono a persone e imprese si muovono di solito in sintonia con i tassi fissati dalla BCE, ma sono influenzati anche da altri fattori. In un’economia di libero mercato come quella dell’area dell’euro, i tassi sono determinati anche dalla domanda e dall’offerta di credito. In altre parole, da quanto le imprese e le persone vogliono spendere e investire e da quanto credito è disponibile.

È simile ad altri prodotti o servizi. Ad esempio, se molte persone vogliono comprare il pane, ma non c’è abbastanza pane disponibile, il prezzo sale.

Lo stesso vale per i tassi di interesse: quando le imprese e le persone vogliono spendere e investire, ma non possono ottenere facilmente credito a sufficienza, i tassi di interesse tendono a salire, perché c’è meno credito disponibile. In altre parole, i prestiti diventano più costosi. Se invece è il contrario e le persone risparmiano molto denaro in banca, l’economia è ricca di denaro – spesso chiamato liquidità – e i tassi tendono a essere bassi.

Cosa fa la BCE ?

La BCE è la banca centrale dell’euro. Non stabilisce i tassi di interesse applicati dalla banche, ma li influenza.  In che modo? Fissando i tassi di interesse chiave o tassi di interesse “politici”. Sono i tassi che la banca centrale offre alle banche che vogliono prendere in prestito fondi e come compenso per la moneta elettronica depositata.

Quando i tassi d’interesse di riferimento cambiano, questo si riflette in misura maggiore o minore sull’intera economia, compresi i prestiti bancari, i prestiti al mercato, i mutui, i tassi dei depositi bancari e altri strumenti d’investimento.

In tempi normali, se l’inflazione è troppo alta a causa di un’eccessiva domanda che insegue un numero insufficiente di beni e servizi, è possibile aumentare i tassi per rendere il credito più costoso. Questo raffredderà l’economia, calmerà le aspettative inflazionistiche e farà scendere l’inflazione.

Se l’inflazione è troppo bassa, come è accaduto per molto tempo, allora saranno abbassati i tassi per rendere il credito più conveniente in modo da per stimolare gli investimenti e la domanda.

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, ci troviamo di fronte a una situazione in cui l’inflazione è troppo alta ma l’economia sta rallentando. I prezzi sono aumentati molto a causa della guerra, soprattutto per l’energia e i generi alimentari. Per molte aziende è inoltre più difficile reperire i materiali, i pezzi di ricambio e i lavoratori necessari per la produzione, il che sta aggravando i problemi che già esistevano a causa della pandemia.

Il solo aumento dei tassi di interesse non risolverà tutti questi problemi. Un aumento dei tassi d’interesse non renderà più conveniente l’energia importata, né accatasterà gli scaffali vuoti dei supermercati o fornirà semiconduttori alle case automobilistiche.

I tassi più alti tengono sotto controllo le aspettative di inflazione

Ciò che i tassi più alti faranno, invece, è tenere sotto controllo le aspettative di inflazione. Se i cittadini e le imprese pensano che l’inflazione alta sia destinata a rimanere, è probabile che i lavoratori chiedano salari più alti e che i datori di lavoro aumentino a loro volta i prezzi. Questo fenomeno viene spesso definito “spirale salari-prezzi”.

La BCE continuerà ad aumentare i tassi di interesse – rendendo il credito più costoso e i risparmi più remunerativi – per evitare questa spirale, per fare in modo che le imprese, i lavoratori e gli investitori siano sicuri che l’inflazione scenderà al 2% nel medio termine evitando che le aspettative di un’inflazione più elevata si radichino.

.

Vi ricordo che “La Finanza in Soldoni” oltre al podcast è una newsletter, una serie di video e un libro edito per la collana Anteprima di Lindau disponibile nelle principali librerie e su Amazon e che è in lavorazione anche  un nuovo libro dedicato ai ragazzi in cerca di un editore e di suggerimenti per la realizzazione. 

Link al mio profilo professionale dettagliato

GLG – Gerson Lehrman Group – Council Member

Pubblicato da Massimo Famularo

Investment Manager and Blogger Focus on Distressed Assets and Non Performing Loans Interested in Politics, Economics,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: