Elezioni: Cronaca di una Morte Annunciata

Io #votoconipiedi è un podcast di provocazione e riflessione sulla politica italiana

Per tutta la campagna elettorale le elezioni sono state presentate come una partita che aveva già un vincitore e come una competizione finalizzata a stabilire i termini e le dimensioni di questa vittoria, ma soprattutto a determinare la distribuzione della sconfitta. A ben guardare il grande assente di tutta questa narrazione pare essere il libero arbitrio in uno schema nel quale i gradi di libertà per ciascun giocatore appaiono estremamente limitati.

Iscriviti alla newsletter del Pocast io #votoconipiedi

In questo podcast abbiamo visto come ci sia poco da scegliere per gli elettori, poiché la composizione del parlamento futuro, a meno di qualche ridotto intervallo di confidenza è stata già decisa dalle segreterie di partito nel momento in cui hanno finalizzato le alleanze.

Prima della definizione delle coalizioni, Fratelli d’Italia e il PD erano molto vicini nei sondaggi e la prospettiva di una “vittoria annunciata” derivava dal fatto che di Giorgia Meloni disponeva di un fronte sufficientemente unito, mentre Letta tra

il Centro Moderato di Calenda /Renzi e la Sinistra di Frantoianni e Bonelli, dovendo fare i conti anche con il terzo incomodo a 5 stelle che non è mai sceso sotto il 10% di consensi.

Segui il Podcast io #votoconipiedi

L’unica vera scelta di Letta, condivisibile sul piano della credibilità e dei valori, ma tatticamente perdente col senno di poi e col buonsenso di prima è stata quella di chiudere al campo largo sul quale pure si erano spese non poche energie in precedenza. Non possiamo sapere quale sarebbero stati gli esiti di un matrimonio di interesse con Conte, quel che si può dire con un occhio agli ultimi sondaggi è che è difficile immaginare uno stato del mondo peggiore per il PD.

Insomma, le elezioni italiane ricordano un po’ la Cronaca di una Morte annunciata: gli italiani non possono scegliere se mandare o meno Giorgia Meloni al governo, perché Letta ha già scelto per loro che qualsiasi alternativa al centrodestra sarà perdente. Quello che decidono gli italiani votando è se il voto di scambio basato sul reddito di cittadinanza funziona tanto oppure tantissimo. Se il centro moderato vale poco o pochissimo e le cinquanta sfumature di populismo da destra a sinistra valgono quanto l’astensione o, si spera un poco di meno.

Segui anche il podcast e la newsletter della #FinanzainSoldoni

Avrà poco da scegliere il governo di Centrodestra, perché se vuole durare più di qualche mese dovrà tenere fede agli impegni presi con l’Europa ed astenersi dal disastrare il bilancio dello stato. In caso contrario dovrà rispondere della perdita dei fondi del PNRR, di una crisi di fiducia da parte dei mercati e affrontare un commissariamento come già avvenuto in Grecia.

Poca scelta avranno anche all’opposizione, Calenda/Renzi, se mai il governo dovesse dimostrarsi responsabile, difficilmente potrebbe astenersi dal collaborare, per il resto ci sarà da litigarsi gli avanzi del consenso di un pubblico distratto deluso e disilluso .

Cosa andiamo a votare allora alle elezioni del 25 settembre? Votiamo sulla distribuzione simbolica della sconfitta per i partiti che hanno scelto di non percorrere l’unico accordo che avrebbe avuto qualche possibilità di pareggio, se non di vittoria, con la prospettiva realistica di spostare pochissimi seggi o forse nessuno.

Non critico chi guarda ai partiti e ai programmi come se ci fosse veramente una partita da giocare o chi si ostina a votare il menopeggio per qualche maleinteso dovere morale. Io con questo podcast cerco di stimolare una riflessione di lungo periodo che vada al di là della tattica elettorale che guida le agende di tutti partiti politici.

Una partita da giocare sul campo della cultura e della responsabilità e che si può sperare di vincere solo a beneficio delle generazioni future. Per il momento ricordate che è perfettamente legale e per nulla immorale recarsi alle urne e scrivere sulla scheda io #votoconipiedi con l’hashtag prima della virgola e senza spazi.

VI segnalo anche “La Finanza in Soldoni” podcast + newsletter, una serie di video e un libro edito per la collana Anteprima di Lindau disponibile nelle principali librerie e su Amazon

E’ in lavorazione anche  un nuovo libro dedicato ai ragazzi in cerca di un editore e di suggerimenti per la realizzazione. 

Link al mio profilo professionale dettagliato

Pubblicato da Massimo Famularo

Investment Manager and Blogger Focus on Distressed Assets and Non Performing Loans Interested in Politics, Economics,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: