Non è un paese per giovani

Che l’italia non sia un paese per giovani si può constatare in modo agevole mettendo a confronto due recenti iniziative gorvernative: il Fertility day e l’Ape, l’anticipo pensionistico concesso ad alcune classi di lavoratori. Da un lato, ai giovani che già si confrontano con un mercato del lavoro con minori garanzie rispetto al passato, sopportando una pressioneContinua a leggere “Non è un paese per giovani”

Gepi 2.0

Il decreto legge del 24 gennaio 2015, n. 3 (“Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti”) prevede all’art 7 l’istituzione di una Società per azioni che intraprenda “iniziative per il rilancio di imprese industriali o gruppi di imprese con sede in Italia (di seguito, le “Imprese”) che, nonostante temporanei squilibri patrimoniali o finanziari, siano caratterizzate da adeguateContinua a leggere “Gepi 2.0”

Sul partito luddista di Landini e Camusso

A voler pensar male, si potrebbe credere che Landini e laCamusso intendano esclusivamente occupare lo spazio lasciato a sinistra dalla riforma renziana del Pd e dall’incapacità di Sel. Si tratterebbe di una strategia sagacemente opportunista, perché potrebbe approfittare del disagio diffuso in un ampia fascia di lavoratori, che sono stati prima disorientati dai mutamenti causatiContinua a leggere “Sul partito luddista di Landini e Camusso”

Lavoro e supercazzole

Da un lato Renzi Thatcher, che vuole trasformare tutti in precari per compiacere la Kanzlerin Merkel e del suo fido Tecnomaniaco Draghi; dall’altro i sindacati, rovina del paese, che aggrappati ai propri privilegi, per difendere lo status quo condannano i giovani a un limbo eterno dal quale solo pochi eletti potranno accedere ad un’occupazione dignitosa. FinchéContinua a leggere “Lavoro e supercazzole”

Perché NON voterò scelta europea

Forse perché i miei amici fighetti del Pd mi hanno convinto che questa è la volta buona; che il partito costruito sul principio del meno peggio a questo giro, stante l’auto distruzione delle alternative, non riuscirà a perdere; insomma che il sorriso giovanile del nuovo che avanza è meglio del peggio che forse é passato.Continua a leggere “Perché NON voterò scelta europea”

L’economicità delle Riforme di Renzi

Il presidente del consiglio presenta la propria proposta di riforma del Senato e mentre si coalizzano strane alleanze in difesa della democrazia, val la pena provare a ad analizzare l’approccio di Renzi alla riforme con un metodo che, se non è pienamente economico, può definirsi almeno “quasi -economico” perché prova ad applicare il raffronto tra costi eContinua a leggere “L’economicità delle Riforme di Renzi”

Italia grande paese (o grosso?)

n paese si conoscono tutti.In paese non sei solo Mario Rossi o Alberto Bianchi, sei anche e soprattutto il figlio del ragionare, il fratello dell’ingegnere e così via. Non che sia necessariamente un male, anzi. Magari se sei una persona conosciuta ti fanno credito (che in tempi di crisi non è affatto cosa da poco), magariContinua a leggere “Italia grande paese (o grosso?)”

Elettori proprietari dei partiti o viceversa?

Oggi si vota alle primarie del PD, poi ci saranno, forse, quelle del PDL. Non sto a dire se andrò a votare o meno perché non è rilevante. Diciamo che voterei sicuramente Renzi, ma che preferisco non dire se poi in concreto l’ho fatto veramente. Non ho la tessera del PD e non mi sento moralmenteContinua a leggere “Elettori proprietari dei partiti o viceversa?”